Si può viaggiare gratis? Sì, certo.

Davvero? E come si fa? In questo articolo te lo spiego.

Ma prima di procedere, voglio avvisarti di alcune cose.

Questi modi di viaggiare non sono adatti a te se pensi di fare un viaggio all’insegna della comodità.

Non sono adatti a te se non sei pronta a rischiare, a improvvisare e a lasciarti andare a nuove esperienze.

Non sono adatti a te se non vuoi socializzare con altre persone e vuoi startene per i fatti tuoi.

Allora, sei pronta per scoprire come viaggiare gratis?

23 modi per viaggiare gratis

Viaggiare gratis → TRASPORTO

1. Autostop: molti pensano che sia passato di moda ma ci sono ancora tanti viaggiatori coraggiosi che ne fanno buon uso.

Con un bel sorriso smagliante alza il pollicione, muovi le mani e mostra il tuo cartello… insomma fai vedere agli automobilisti che hai bisogno di un passaggio. Inoltre, guarda le targhe delle macchine e concentrati su quelle che vanno nella tua stessa direzione.

Se non l’hai mai fatto, è probabile che la prima volta tu sia impaurita ma segui il tuo istinto e provaci. Per fortuna nel mondo ci sono ancora tante buone persone, disposte a darti un passaggio senza chiedere nulla in cambio.

Se sei pronta per questa sfida, ti invito a guardare la pagina Hitchwiki. È la wikipedia dell’autostop, dove puoi trovare informazioni molto utili come:

  • consigli per fare autostop
  • come viaggiare sicuri (per le donne)
  • dove farlo
  • consigli per la tua prima volta

Cosa aspetti? L’avventura è appena iniziata!

Un’altro modo per viaggiare quasi gratis, e che forse già conosci, è Blablacar. Consiste nel dividere le spese del viaggio con il conduttore e gli altri passeggeri. Non è ancora diffuso in tutto il mondo ma, piano piano si sta espandendo ed è molto gettonato in Italia, Spagna, Francia, Germania, UK, Portogallo e Polonia.

Io l’ho usato molte volte all’estero e mi sono sempre trovata bene. Per usufruire di questo servizio, devi crearti un account sulla pagina di Blablacar e introdurre negli appositi spazi la città di partenza e di arrivo. Ti avviso che questo non è un taxi! Come si intuisce dalla parola “blabla”, l’idea è quella di socializzare, fare nuove amicizie o ascoltare musica.

2. Barca/Nave: lo stesso funziona con la nave/barca. Io non l’ho mai fatto ma da quello che ho letto, ti avvicini al porto, cerchi un capitano e gli chiedi come trovare un “passaggio” gratuito.

Se non soffri il mal di mare e vuoi lavorare in nave, ci sono diverse pagine web dove puoi trovare lavoro e così guadagnare mentre viaggi. Guarda Crewseekers, Findacrew o Crewbay.

Inoltre, se ti interessa fare questo tipo di esperienza, ti invito a leggere l’intervista che ho fatto ad Alice, che ha fatto il giro del mondo in 108 giorni lavorando in una nave. Incredibile vero? Clicca QUI per leggere la sua storia.

3. Bicicletta: sì, quella vecchia amica che in inverno ti dimentichi in cantina ed al primo richiamo della primavera la porti fuori casa. Se ti piace fare sport e andare in bicicletta, hai trovato la combinazione perfetta per viaggiare gratis!

Inoltre, come fonte d’ispirazione, ti invito a leggere il blog di Paola Gianotti, che ha fatto il giro del mondo in bicicletta e quello di Marco Invernizzi, che tuttora sta pedalando per le strade del mondo!

4. Camminare: OK, ci vuole tempo, molto tempo ma è fattibile e te lo dimostra Mattia Miraglio che sta facendo il giro del mondo a piedi in solitaria.

Viaggiare gratis → ALLOGGIO

5. Airbnb: nel 90% dei casi, questo servizio è a pagamento ma c’è un 10% di poter dormire gratis con Airbnb.

Come?

Se ti registri QUI e ti crei un nuovo account con Airbnb, riceverai 35€ in regalo che puoi utilizzare per la tua prossima prenotazione.

Una volta creato il tuo nuovo account, clicca sulla tua foto e poi in “crediti di viaggio”.

viaggiare gratis

Successivamente ti apparirà un codice come questo: www.airbnb.it/c/smuzzolon

Ogni volta che qualcuno si registra utilizzando questo codice, sia tu che questa persona riceverete dei soldi per poter dormire gratis con Airbnb. Non è fantastico?!

6. Couchsurfing: è una specie di scambio culturale attraverso il quale la persona o la famiglia che ti ospita mette a tua disposizione un divano, un letto o persino una vasca da bagno per poter dormire. Considera che chi ti ospita conosce la città e potrebbe anche farti da guida e mostrarti le meraviglie del luogo. Tu, in cambio, puoi cucinare un piatto tipico (pasta, pizza), puoi insegnare qualche parola in italiano o puoi suonare uno strumento (se sai farlo ovviamente!). Insomma, ci sono molti modi per ripagare l’ospitalità!

Altre alternative al Couchsurfing sono: Hospitality Club, BeWelcome, Trustroots e Staydu.

7. Housesitting: consiste nel prendersi cura dell’animale domestico o della casa in cui ti alloggi. Questi sono i siti più famosi: Trustedhousesitters, Luxuryhousesitting e Mindmyhouse.

8. Au pair: consiste nel prendersi cura dei figli della famiglia che ti ospita, mentre i genitori lavorano. A volte ti viene chiesto di pulire anche la casa o di fare delle commissioni in cambio di vitto e alloggio.

Conosco molte ragazze che l’hanno fatto all’estero per migliorare la lingua o per scoprire la cultura di un altro paese. L’esperienza è gratificante ma come sempre dipende dalla famiglia che trovi e dalla città in cui vai.

9. WWOOFING: ultimamente ho letto molte storie di persone che hanno viaggiato in tutto il mondo con wwoofing. Praticamente lavori come volontaria alcune ore al giorno in cambio di vitto e alloggio. È diffuso in moltissimi paesi e se vuoi saperne di più, ti invito a leggere questa pagina WWOOFING.

10. Workaway, Helpx e Worldpackers: è uno scambio culturale in cui dovrai fare dei lavoretti in cambio di alloggio. Puoi lavorare in un campo, dare da mangiare agli animali, pulire un ostello, ecc.

11. EVS servizio di volontariato europeo: se partecipi al servizio di volontariato europeo, potrai vivere all’estero partecipando a dei progetti sociali e di sviluppo molto interessanti e l’UE ti pagherà vitto e alloggio.

Grazie ad uno dei tanti progetti del EVS, nel 2011 sono andata per tre mesi a Siviglia (Spagna) con appartamento, corso di spagnolo e pocket money mensile incluso.

12. Warmshowers: se viaggiare in bicicletta fa al caso tuo, puoi trovare alloggio gratuito con wamshowers.

13. Scambiocasa: come puoi intuire, è uno scambio casa. Tu vai nella casa del tuo ospite e lui verrà nella tua. Lo puoi fare in moltissimi paesi. Devi solo metterti d’accordo sulle date, preparare la tua casa perché sia accogliente e partire!

14. Dormire in un aeroporto: se il tuo volo parte di mattina presto, puoi passare la notte in aeroporto, evitando così di pagare una notte in più in hotel. Non tutti gli aeroporti lo permettono, per cui informati prima se è possibile.

15. Dormire a casa di amici: scommetto che viaggiando hai conosciuto persone straniere provenienti da tutto il mondo e magari vivono proprio in quel paese che vorresti visitare. È arrivato il momento di contattarle e chiedere loro se il divano è disponibile!

16. Cerca un posto sicuro in una stazione dei treni e degli autobus.

17. Chiedi ai pompieri o alla polizia locale se ti possono consigliare qualche posto sicuro ed economico dove poter dormire.

18. Viaggia di notte! Se viaggi di notte, per esempio in un treno notturno, eviterai di pagare una notte in un ostello.

19. Accampati! Se parti con una piccola tenda e un sacco a pelo potrai dormire dove vuoi, sempre facendo attenzione alla tua sicurezza.

20. Segui il tuo istinto e accetta l’invito di qualche locale. Ci sono culture dove è facile che le persone del posto ti ospitino nella loro casa, per esempio in Marocco. Se ti senti sicura e hai voglia di conoscere un’altra cultura, accetta l’invito!

Come vedi, ci sono molti modi per dormire gratis! Dipende solo da te 🙂

Viaggiare gratis → CIBO

21. Fatti invitare dalle persone del posto: spesso, le persone che ti ospitano a casa loro ti offrono anche da mangiare. Sii riconoscente, simpatica e rispettosa. Chi ti ospita sarà felice di farti assaggiare dei piatti tipici. Approfittane!

22. Dumpester diving: consiste nel raccogliere il cibo che i supermercati, panetterie o ristoranti buttano via. A fine giornata, chiedi direttamente ai negozi di alimentari se ti possono dare qualcosa da mangiare, prima che lo buttino nella spazzatura.

23. Se ti trovi in qualche tempio in Asia, in alcuni giorni di festa la gente locale prepara e offre cibo gratis ai “pellegrini”.

A me è capitato l’anno scorso, quando mi trovavo a Chiang Dai (Tailandia). Devo ammettere che all’inizio non volevo approfittarne ma i tailandesi hanno insistito così tanto che non ho potuto resistere. Era tutto buonissimo!

viaggiare gratis


Conosci altri modi per viaggiare gratis?

Lascia un commento e aiuta altri viaggiatori a spendere meno!

Per intraprendere il sogno di vivere viaggiando, ho creato Libertà per Viaggiare, un progetto attraverso il quale voglio mostrarti come guadagnare con un blog da qualsiasi parte del mondo.